Finzioni Baby Classic

I classici della letteratura per l’infanzia hanno ancora tanto da insegnare, soprattutto a chi non disdegna di tornare, ogni tanto, un po’ bambino.

Il mondo è forse impazzito?

Una cena al contrario, dal dolce all’antipasto, avvenuta ad Amsterdam, mi ha offerto lo spunto per una riflessione sulla necessità di essere un po’ come il giovane Gambero di Rodari.

0 Condivisioni

Cappuccetto slow food

Quando la mamma di cappuccetto Rosso le affida il cestino con il cibo da portare alla nonna, nessuno immagina quale mirabolante avventura attraverso l’apparato digerente del lupo stia aspettando la tenera pestifera incappucciata di rosso.

0 Condivisioni

Raccontare il brutto anatroccolo

Il potere dei messaggi è indiscusso. Ma allora qual è quello de Il brutto anatroccolo, che si è belli dentro? O che la discriminazione è un male da estirpare?

0 Condivisioni

Pulcini spaziali

Guardando i vari talent show culinari viene da domandarsi che fine faccia tutto quel cibo. Se lo mangiano sempre fino in fondo? Gianni Rodari ha una risposta anche per questo.

0 Condivisioni

Mele indorate, o dell’Iva

Biancaneve mangia la mela fidandosi della vecchia strega che gliela porge, non ascoltando il consiglio dei nani e sfatando definitivamente il mito secondo il quale una mela al giorno leva il medico di torno. E noi, credo, possiamo trarre un’importante lezione sul significato delle mele avvelenate, ovvero di come apparenti guadagni possano in realtà rivelarsi dannosi.

0 Condivisioni